lunedì 12 settembre 2011

a volte ringraziare è dìobbligo

ci sono giorni in cui vorresti gridare al mondo tutti i tuoi problemi, tutti i tuoi crucci, tutte le tue magagne ma in cui stai zitto perché sai che alla fine anche gli altri hanno i propri problemi e quindi sentire anche te che ti lamenti non è il massimo della vita. poi ti accorgi che c'è sempre qualcuno che presta attenzione ed orecchio ai tuoi sospiri e che si accorge quando un respiro profondo è di sollievo, ed un ansito è di dolore.


queste persone sono gli amici.



si, ci sono anche i familiari, coloro che ti amano e ti stanno accanto ma è più scontato che il tuo compagno, tua madre, i tuoi parenti cerchino di prestare attenzione ai tuoi bisogni, come del resto cerchi di fare tu con loro. meno scontato è che persone che ti vogliono bene ma che hanno già una loro famiglia e dei loro problemi ti siano accanto e ti seguano come fossi anche tu parte della loro famiglia.



io in questo sono molto, molto fortunata, perché accanto a me, ho degli amici che valgono oro per quanto pesano ( ed alcuni valgono moolto :-)))


ci sono amici che mi hanno ricordato che nonostante i miei problemi, nonostante quanto a volte io mi senta inutile e senza valore, come un pacco rovinato, ebbene per loro sono sempre importante, ho sempre un valore.


questo mi commuove e mi riempie di gioia e di sorpresa.


spesso mi chiedo quale valore vedano in me gli altri per reputare importante starmi accanto nonostante tutto.


ma comunque per questo io sono grata, a tutti loro, sia quelli che mi dicono a parole il loro affetto, sia quelli che lo fanno con piccoli gesti, con piccole attenzioni quando ci si incontra.


sono grata a tutti loro perché mi spingono ad andare avanti anche quando vorrei tanto accosciarmi in un angolino e restare li, facendomi scorrere il resto della vita addosso e sperando solo in nessun peggioramento.


invece continuo ad andare avanti, un passo dopo l'altro, per LUI chi mi sta sempre vicino, per l'orso STE, che magari non vedo per settimane ma che se ho bisogno è li, per i genitori del polpetto che mi sono vicini e mi capiscono più di quanto possano altri, per il cura matti e la bionda, per il matematico e la signora di Vodafone, il gatto emigrato ed il mago del lago. e tanti altri amici, che so mi sono accanto e mi sostengono anche se non parlano.



vi voglio bene a tutti e mi mancate sempre quando non ci si vede, sappiatelo.

3 commenti:

Stefano Petroni ha detto...

Mo non esagerando dicendo che ti si vuol bene... diciamo che ti si stima da lontano... :-P

Adriano F. ha detto...

Tutto ciò mi fa pensare che la settimana prossima (questa è pregna) si potrebbe organizzare qualcosa con voi brutta gente.

Carolina Venturini ha detto...

Non so, di preciso, se la cosa possa avere una qualche importanza o valore... in te vedo una donna coraggiosa e per questo ti ammiro.
Riprendo la battuta di Ste.. un abbraccio "da lontano".

17 Novembre giornata internazionale del Gatto Nero