mercoledì 2 maggio 2012

IL DIFFICILE LAVORO DI ANDARE AVANTI CON IL POCO CHE SI HA

oramai è indubbio.
l'italia è diventata veramente invivibile. i soldi che prima prendevamo come stipendio ora non valgono nulla e non sembra che la cosa debba migliorare; i pochi soldi che avevamo messo da pare ci sono stati smezzati dalla  crisi che ci ha lasciato quasi in ginocchio, mentre la speranza di potersi un giorno fare una casa propria, un proprio posto diventa chimera sempre più irragiungibile.
e non ci sono magici aiuti che vengono a sollevare le nostre sorti. i lavori sono sempre più difficili da ottenere, e se si ha si deve sperare di non perderlo. sono sempre più sottopagati e non permettono a volte di mantenere una casa o una vita autonoma. fortuna chi ha un compagno, o compagna, perchè due stipendi, per quanto precari , permettono di avere una vita se non proprio agiata almeno autonoma, altrimenti il destino è quello del "bamboccione" come è stato carinamente definito colui che vive ancora in casa con i genitori, senza tenere conto che per uscire di casa si deve poter avere un'altra casa che ci accolga altrimenti i bamboccioni diventano senza tetto.
 ed una volta che hai trovato il tuo stipendio gemello, oltre che l'anima gemella,la casa che ti puoi permettere, in affitto, è un buco, la luce stai attento a risparmiarla il più possibile, se hai il riscaldamento autonomo diventi un grande sostenitore dei pesanti maglioni invernali e decanti il piacere di dormire sotto pesanti coperte ma sentendo il fresco dell'inverno sul viso. il gas si usa solo per cucinare e lavarsi una volta alla settimana, tanto per le abluzioni giornaliere va bene anche l'acqua fredda.
tutto diventa centellinato e difficile da fare. se si vuole andare fuori a cena si fa magari una volta al mese e in posti che si conoscono e che non hanno costi eccessivi, altrimenti si lascia perdere e ci si vede a casa di uno o dell'altro.forse è proprio per questo che in italia si stà riscoprendo il piacere della cucina di qualità, per cui sempre più persone si cimentano attorno ai fornelli, in fondo con quello che costa farsi un filetto al pepe verde con antipasto e bibite al ristorante, a casa puoi imbandire una bella cena abbondante per due,  anche a base di carne se sai dove andare a comprare e sai scegliere il taglio giusto.
e non parliamo di comprarsi una macchina. perchè le niche che sono alla nostra portata, facendo anche i salti mortali sono quelle che hanno un costo che va dai 6000 ai 20.000 euro, e stiamop parlando di sforzarsi vermanete tanto, di fare rate che possono arrivare alle 350.00 euro al mese per anche sei anni, che poi non sono mai sei anni perchè c'è sempre anche il settimo di interessi. a volte le macchine ordierne a sette anni manco ci arrivano, e ti coatano un occhio in riparazioni perchè sono spesso fatte con i piedi, perchè sono macchinette da poco. e certo noi siamo lo starto basso della società automobilistica, mica spendiamo 35.000 euro per comprarci un suv, mica abbiamo 40.000 euro per comprarci l'ammiraglia di qualche cadegoria. siamo quelli che entriamo e valutiamo se possiamo fare a meno o no della radio, del navigatore,e magari anche dell'abs.
oramai per riuscire a vivere in italia si deve fare così, ci si deve arragiare, e arrangiare al meglio se si vuole avere una vita decente e non indebitarsi fin sopra le orecchie. una regola d'oro ad esempio è mai fare un debito mentre se ne stà già pagando un'altro. se ti sei appena comprato la lavratrice a rate non comprarti anche il cellulare e la stampante, tanto sono rate piccolissime. le rate piccolissime si sommano alla fine e si accaniscono sul tuo stipendio impedendoti di arrivare a fine mese. ho parenti che hanno fatto questo errore e che ancora stanno sputando sangue per finire di pagare rate di oggetti che magari nemmeno hanno più.
un'altro errore fatto da un amico, che insegna molto bene cosa non fare, è quello di usare le carte di credito. sono veramente maledette quelle cosine di plastica, e possono rovinare la vita. perchè hanno tassi di interesse altissimi, e si usano continuamente quindi il debito continua ad aumentare anche se si paga ogni mese una cifra da capogiro. l'amico di cui parlavo ha messo anni per liberarsi di questo vampiro stipendiale, tanto che ora che ha finito gli sembra di aver avuto un aumento di stipendio.
attenzione a queste trappole, specie in periodi in cui i soldi già di per se non bastano ad arrivare a fine mese, tra affitto e bollette, cibo e inprevisti.
lo sguardo vola verso i confini e guarda con desiderio altre realtà che però sono inaccessibili a chi non abbia già opportunità di lavoro aperte, perchè anche all'estero, dove si stà meglio per certi versi, e peggio per altri, si deve lavorare, e ci deve essere il lavoro per poterlo fare.


Nessun commento:

17 Novembre giornata internazionale del Gatto Nero