lunedì 24 ottobre 2011

Addio Marco

ogni giorno di persone ne muoiono tante, sia che si conoscano sia che non si conoscano. alcune ci toccano da vicino, altre ci lasciano abbastanza indifferenti, ed è normale, se dovessimo soffrire per ogni morte, che avviene, non potremmo più vivere travolti dal dolore. Ieri ad esempio ne sono morte moltissime, quasi più di mille, dall'altra parte del mondo, ma onestamente sono lontani, e per quanto mi dispiaccia, non ci posso fare nulla, non le conoscevo, e molte erano morte prima di loro qui per lo stesso motivo e probabilmente a loro non è importato nulla.

però a volte, ci sono morti, di persone che non ci sono vicine, ma che ci colpiscono ugualmente, che ci vi fanno male come se fossero dei parenti, più o meno vicini.

ieri mattina, alle dieci circa, questo è successo, è morto un ragazzo che non conoscevo minimamente, ma che alla fine conoscevo, che avevo visto tante volte, di cui conoscevo la voce scanzonata, la parlata pesantemente emiliana, i tratti particolarissimi del viso con quel suo naso aquilino, quei capelli indomabili, un cesto di ricci che stava su quella pertica altissima e smilza.

ieri mattina è morto Marco, Marco Sinmoncelli, Il SIC, 24 anni spessi sulle moto, uno sport che seguo senza troppa foga ma che mi diverte, è morto su una pista che lo aveva già visto vincente in passato, è morto travolto da un suo amico, da un quasi fratello, Valentino rossi, che è altrettanto conosciuto, altrettanto amato da tutti noi, che ora per tutta la vita saprà, povero ragazzo anche lui, di aver ucciso il suo miglio amico con la propria moto.

come dicevo non lo conoscevo, non di persona almeno. ma chi non conosceva SIC? era diventato una figura così pubblica, così di tutti con la sua gioventù coinvolgente, con il suo spirito tipicamente romagnolo, pronto a giocare con chiunque, pronto a prendere in giro ed a farsi prendere in giro.

riusciva a farsi amare da chiunque, da chi seguiva le corse e da chi invece non aveva interesse alcuno per questo mondo ed era una persona estremamente umana e umile.


ora è morto.


onestamente, mi mancherà.


ciao Marco, è stato bello conoscerti.






Marco Simoncelli
Cattolica, 20 gennaio 1987 – Sepang, 23 ottobre 2011

1 commento:

Libby ha detto...

Ciao Kikka, sono capitata per caso nel tuo blog, forse un po' per noia, cercavo qualcosa da leggere. Al di là del post che sto commentando e che mi trova assolutamente d'accordo con te, ho letto anche sotto, qulche altro post.... da oggi ti seguo, chissà che non abbiamo qualcosa da dirci prima o poi! Ciao Libby

17 Novembre giornata internazionale del Gatto Nero